Contenuto principale

Messaggio di avviso

News dal Comune

In questa categoria mostriamo tutte le notizie attuali o di interesse della comunità. Tutte le altre notizie vengono invece archiviate e sono disponibili in "News archiviate" del menu di pié di pagina. Cliccate sul titolo della categoria per accedere.

INCONTRO CON DIRETTORE GENERALE ASST PAOLO FAVINI

pdf SITUAZIONE OSPEDALE DI MERATE (253 KB)

 

pdf RichietsaTavoloConfronto (492 KB)

Fibre ottiche

Come qualcuno avrà già notato, i lavori per la posa della fibra ottica per le connessioni ad internet in Banda Ultra Larga su tutto il territorio comunale di Calco (Arlate compresa) sono partiti da qualche giorno.

I direttori dei lavori sono in contatto con l'Ufficio Tecnico e gli assessori di competenza per coordinarsi. Avranno una durata di circa 5 mesi minimo. Il risultato è che tutto il territorio sarà presidiato da nodi di distribuzione in fibra, pronti per il collegamento con le utenze (abitazioni, condomini, industrie e aziende commerciali).

Il tipo di servizio, come già annunciato in vari momenti e ambiti, è di tipo FTTH (Fiber To The Home). Quindi, come intervento successivo alla chiusura dei lavori e qualora si faccia richiesta del servizio a uno degli operatori, la fibra sarà portata da Open Fiber "a casa dell'utente" e non soltanto fino al cabinet esterno (FTTC), con un potenziale di banda di 100Mbit/s. A lavori ultimati infatti Open Fiber informerà tutti gli operatori che l'infrastruttura in fibra è posata, operativa e disponibile per nuovi contratti. Gli operatori potranno quindi offrire agli utenti i loro servizi di questo tipo sfruttando l'infrastruttura. Quando un utente sottoscriverà un contratto, Open Fiber interverrà per portare la fibra dal nodo più vicino fino al domicilio dell'interessato.

Una nota particolare per alcune zone di Calco: in località Vescuria, Onazzo e Limito non è prevista la posa dei cavi in fibra per particolari problemi di allacciamento che richiederebbero un budget più esteso (ricordiamo che il progetto è ministeriale e finanziato dalla UE, quindi non si può sforare il budget assegnato al territorio). In questo caso sono previsti dei collegamenti di tipo FWA (Fixed Wireless Access, un tipo di collegamento senza fili simile al Wimax) che porteranno comunque i servizi in quelle zone con un potenziale di banda inferiore, intorno ai 30Mbit/s o maggiore a seconda delle condizioni, ma non superiore ai 100Mbit/s.

Tutto questo ci è stato spiegato da Open Fiber, azienda incaricata per i lavori e per la manutenzione dell'infrastruttura per la durata di 20 anni.

Con questo progetto di importanza fondamentale per Calco e le sue frazioni, si concretizza l'obiettivo di eliminare in modo definitivo e risolutivo il cosiddetto "digital divide" che ancora affligge oggi il nostro territorio. La tempestiva adesione al progetto Infratel da parte dell'Amministrazione calchese e tutte le forme di agevolazione tecnica, politica e burocratica hanno fatto sì che oggi si possa dire finalmente "Ci siamo!".

Il 2019 sarà quindi l'anno cruciale per avere dei servizi in banda ultra larga degni di questo nome e permettere così non solo ai cittadini, ma anche all'Ente comunale, alle Scuole di Calco e alle aziende di dotarsi finalmente di uno strumento al passo coi tempi. Desideriamo per questo motivo ringraziare gli assessori, i consiglieri delegati e l'Ufficio Tecnico per la loro collaborazione che continuerà ancora fino a lavori ultimati.

L'Amministrazione di Calco

Lavori per la fibra 1

Lavori per la fibra 2

Si terrà sabato 2 febbraio, alle ore 21, a Calco LC, presso il Polo culturale di Arlate, il concerto “Il violino di Auschwitz. Musiche e immagini per non dimenticare” dell’ensemble Barabàn. Un concerto organizzato dal Comune di Calco per il Giorno della Memoria 2019.

Coerente con il proprio percorso musicale e di impegno civile, Barabàn ha allestito u
no spettacolo intenso, emozionante che dal 2010 rappresenta nei teatri di tutta Italia, sempre in sold out. Canti, musiche, testimonianze di sopravvissuti e immagini della Shoah per sottolineare quanto sia importante non dimenticare ma anche e soprattutto per mettere in guardia dai pericoli che vengono oggi dal veleno del razzismo, dalla violenza antisemita e xenofoba.

In scaletta la straordinaria ninna nanna Wiegala scritta da Ilse Weber morta, con il figlio Tommy, nel ‘44 ad Auschwitz, e musiche yiddish composte dai musicisti ebrei a Terezìn e Mauthausen, la canzone Asma Asmaton scritta dal poeta e drammaturgo greco Iakovos Kambanellis e musicata da Mikis Theodorakis e brani del moderno repertorio ebraico. Mentre sullo schermo scorrono video con le immagini dei lager nazisti, testimonianze di ex deportati e spezzoni di film, i musicisti eseguono danze klezmer, musiche tradizionali per i matrimoni, canti contro la guerra come La canzone del bambino nel vento di Francesco Guccini e La guerra di Piero, omaggio a Fabrizio De André nel ventesimo anniversario della scomparsa.

Lascia senza fiato il racconto di Arianna Szörényi, di famiglia ebraica e madre cattolica, sopravvissuta al campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau e testimone della “marcia della morte” verso il campo di sterminio di Ravensbrück quando aveva solo 11 anni. Dei 776 bambini ebrei italiani deportati ad Auschwitz, Arianna è tra i soli 25 sopravvissuti.

Il violino di Auschwitz è un evento da non perdere, un concerto che fa pensare, che non lascia indifferenti. Lo spettacolo fa tappa a Calco nell’ambito del Tour 2019 di Barabàn. Sul palco ci saranno: Vincenzo Caglioti (organetti diatonici), Aurelio Citelli (voce solista, tastiere e basso elettrico), Giuliano Grasso (violino), Maddalena Soler (voce solista e violino), Paolo Ronzio (chitarra) e Jacopo Soler (flauto traverso). Ingresso libero.

 
 
 
 

Facsimile carta identità elettronica

AVVISO - EMISSIONE CARTA D'IDENTITA' ELETTRONICA

Informiamo che dal mese di Gennaio 2019 ogni Mercoledì in questo Comune ha preso avvio l'emissione della carta d'identità elettronica.

L’Ufficio Anagrafe del nostro Comune è stato dotato dal Ministero della strumentazione necessaria per l’emissione del nuovo documento, che sostituisce la carta d’identità cartacea.

La nuova carta d'identità elettronica (CIE) è uno strumento di identificazione del cittadino e un documento di viaggio in tutti i paesi appartenenti all'Unione Europea e in quelli con cui lo Stato italiano ha firmato specifici accordi. I maggiorenni possono inoltre indicare il consenso o il diniego alla donazione di organi e tessuti.

Per ottenere il nuovo documento occorre:

  • prenotare appuntamento on line sul sito del Comune di Calco. I documenti necessari sono:
    • una foto formato tessera conforme alle norme Icao (ente deputato alla standardizzazione dei documenti di viaggio);
    • il codice fiscale;
    • il documento d’identità scaduto o deteriorato.

Si precisa che il cambio di residenza non comporta la sostituzione della carta d’identità che continuerà ad essere valida fino alla naturale scadenza.

Chi è già in possesso della carta d’identità cartacea non dovrà richiedere la CIE in quanto la stessa manterrà la propria validità.

La CIE ha un costo al cittadino di 22,20 euro, di cui 16,79 vanno direttamente allo Stato, mentre 5,16 è il diritto fisso già previsto dal Comune anche per la carta d'identità cartacea e 0,25 i diritti di segreteria, anch’essi già previsti in precedenza.

La consegna della CIE avviene indicativamente entro sei giorni lavorativi presso l'indirizzo indicato dal cittadino al momento della richiesta, in quanto la stampa è effettuata dal Poligrafico dello Stato per tutti i Comuni.

MINORI

Il documento di identità valido per l'espatrio per i minori viene rilasciato in presenza del minore e di entrambi i genitori muniti di documento di riconoscimento in corso di validità.

Se uno dei genitori non può essere presente, il documento rilasciato sarà valido per l'espatrio solo se verranno presentati all'appuntamento:
• la dichiarazione di assenso all'espatrio sottoscritta dal genitore assente 
• la copia del documento d'identità del genitore assente.

  • • carta d'identità del minore;
  • • una fototessera del minore a colori su sfondo bianco e recente (massimo 6 mesi) - indicazioni su come effettuare correttamente la foto sono disponibili al seguente link - Requisiti foto;
    • tessera sanitaria (Carta regionale o nazionale dei servizi);
    • euro 22,20 da versare in contanti il giorno dell'appuntamento (euro 27,35 se il documento viene rifatto 6 mesi prima della scadenza). 
    In caso di furto/smarrimento/distruzione della Carta d'identità occorre portare la denuncia presentata all'autorità di Pubblica Sicurezza.
    In tutti i casi, per il rilascio del documento è sempre necessaria la presenza del minore.

Se il minore di anni 14 viaggia all'estero senza i genitori è necessario compilare un documento da presentare in questura con i dati dell'accompagnatore.

La CIE ha la stessa validità della carta d'identità cartacea: tre anni fino ai 3 anni d'età, cinque anni dai 3 ai 18 anni e dieci anni per i maggiorenni.

Il minore si deve presentare nel giorno e orario dell'appuntamento accompagnato da entrambi i genitori.

Per qualsiasi informazione può contattare l’Ufficio Anagrafe, (telefono 039/9910017, email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).

Sottocategorie