Contenuto principale

Messaggio di avviso

News dal Comune

In questa categoria mostriamo tutte le notizie attuali o di interesse della comunità. Tutte le altre notizie vengono invece archiviate e sono disponibili in "News archiviate" del menu di pié di pagina. Cliccate sul titolo della categoria per accedere.

 

 

  pdf Scarica la locandina (173 KB)

Contenitori per bevande in bioplastica riciclabileTutti conosciamo la plastica, o meglio, le plastiche, regine degli imballaggi. Negli ultimi anni se ne è aggiunta una nuova categoria, quella delle bioplastiche, impiegata soprattutto per realizzare prodotti di uso quotidiano, come i sacchetti della spesa riutilizzati per la raccolta dell’umido, le reti per la frutta, i piatti, i bicchieri e le coppette per il gelato.

Le strade di questi due imballaggi si separano al momento del loro conferimento nei contenitori della raccolta differenziata, perché diversa è la filiera del riciclo che li attende.
Gli imballaggi in plastica vanno conferiti nel sacco viola, gli imballaggi in bioplastica, essendo biodegradabili e compostabili vanno invece conferiti con la frazione organica dei rifiuti.

Dagli imballaggi in plastica raccolti e riciclati si ottiene materia prima “seconda” con cui realizzare nuovi manufatti.
Dal riciclo degli imballaggi in bioplastica biodegradabile e compostabile si ottiene il compost, terriccio utile per la fertilità del suolo.
C’è bisogno della collaborazione di tutti per evitare sprechi.

Come si riconosce la bioplastica?
Da questi loghi:

Loghi delle bioplastiche

Mentre le plastiche riciclabili sono queste:

Loghi delle plastiche

Tante mani alzateSei un giovane tra i 16 e i 29 anni? Abiti a Calco? Stai finendo le scuole superiori e stai pensando al tuo futuro? Stai cercando lavoro? Saresti interessato ad una “vetrina” web in cui poter caricare il tuo profilo dove inserire le tue competenze ed esperienze di cittadinanza attiva per renderlo visibile alle aziende del territorio? 

Se hai risposto sì ad almeno una delle nostre domande, dai un'occhiata al progetto “Comunità al lavoro: spazi fisici e virtuali per favorire l’inserimento lavorativo dei giovani under 29”, frutto della collaborazione tra il Comune di Calco e Piazza l’Idea (promosso dall’Azienda Speciale Retesalute)

Il progetto nasce dalla volontà di promozione di politiche attive del lavoro focalizzate sui giovani under 29 e coerenti con le realtà locali, al fine di favorire lo sviluppo economico del territorio agevolando l’incontro fra domanda e offerta di lavoro, dando visibilità ai giovani di Calco come risorse per le imprese del territorio.

L’Azienda Speciale Retesalute, all’interno del progetto di Piazza l’Idea supporterà il Comune di Calco nella realizzazione di percorsi di informazione/formazione, accompagnamento e supporto rivolti agli under 29, che si concretizzeranno anche nella realizzazione di una “vetrina web” che darà visibilità ai profili professionali (CV) dei giovani di Calco ed alle loro esperienze sociali, favorendo il contatto con aziende del territorio.

COMPILA IL SONDAGGIO ONLINE

pdf SCARICA LA PROPOSTA DI PROGETTO (195 KB)

Logo Piazza l'idea

Scarica il documento della Regione Lombardia

Per limitare l’inquinamento dell’aria, dal 1 ottobre entrano in vigore i divieti stabiliti da Regione Lombardia nell’ambito dell’accordo sottoscritto col ministero dell’ambiente e le regioni del bacino padano.

  • Per quanto riguarda le automobili, gli euro 0 a benzina e gli euro 0, 1 e 2 diesel non potranno circolare dalle 7:30 del mattino alle 19:30 di sera. Analogo divieto per ciclomotori e motocicli a due tempi euro 1.

  • Relativamente al riscaldamento domestico invece sarà vietato l’uso dei camini aperti e di quelli chiusi con rendimento inferiore al 65%. Unica eccezione ammessa, quella in cui costituiscano l’unico mezzo di riscaldamento esistente nell’abitazione. Idem per le stufe, sia a legna che a pellet, vietato l’uso se con rendimento inferiore al 65% ( il rendimento deve essere dichiarato dal costruttore nel libretto di installazione).

Vietata anche l’accensione di qualsiasi falò all’esterno.

Tutte queste misure resteranno in vigore sino al 31 marzo.

Dettaglio dei provvedimenti disponibile pdf qui (122 KB)

Coloro che in questi due anni hanno partecipato alle serate informative in materia di elettricità e di efficienza energetica, ne sono già al corrente, ma come servizio all’intera comunità segnaliamo due novità che interessano tutte le utenze elettriche.

1. Per prima cosa e-distribuzione segnala che è stato avviato il piano di sostituzione dei contatori elettronici, quindi tutti i contatori elettronici installati saranno gradualmente sostituiti con un nuovo modello più evoluto.
Ad oggi in Italia ne sono già stati sostituiti 1 milione ed entro fine anno si toccherà quota 1 milione e ottocentomila. A Calco per ora solo 13 ne risultano installati su 3.278 previsti. Segnaliamo che almeno 5 giorni prima della sostituzione arriverà ad ogni utenza apposita segnalazione e ricordiamo – per evitare truffe – che nessun contributo è richiesto per questo intervento. Chiunque si presenti a titolo Enel a richiedere denaro è un truffatore.
Per avere informazioni sul nuovo contatore è possibile visitare questo sito: https://www.e-distribuzione.it/it-IT/Pagine/Contatore-Open-Meter.aspx

2. La seconda notizia è che la fine del mercato tutelato è stata sancita per legge, dopo anni di discussione, quindi chi non è passato al mercato libero dovrà farlo entro il 30 giugno 2019.
Cosa succederà dopo quella data? Cessando il servizio di tutela, a chi non sarà passato nel frattempo al mercato libero rimarrà solo il servizio di Salvaguardia che – si badi bene – è ben diverso dalla tutela anche se spesso si fa confusione fra i due termini.
Sinora la Salvaguardia era disponibile solo per le aziende (clienti con Partita IVA) che non avevano optato per un fornitore del libero mercato ed era stato istituito al fine di evitare che un cliente aziendale del mercato libero, rimasto senza contratto di fornitura, restasse senza elettricità (da qui la denominazione di “salvaguardia”). Ma questo servizio di salvaguardia dal punto di vista economico è più oneroso del mercato libero, quindi non conviene finirci dentro.
Per traghettare tutti coloro che sono clienti del servizio di tutela, la legge ha stabilito una serie di attività a carico dell’Autorità per l’energia elettrica, il gas e servizi idrici, in modo che sia più semplice scegliere il proprio fornitore.

Maggiori informazioni a pdf questo link. (231 KB)

Sottocategorie