Contenuto principale

Messaggio di avviso

♦Descrizione

Requisiti

♦Adempimenti e modulistica

♦Normativa

 

 

Descrizione

Per installazione ed esercizio di attrazioni dello spettacolo viaggiante si intende il posizionamento sul territorio comunale delle attrazioni, quali ad esempio giostre, miniseggiolini, autoscontro, rotonda tiri vari. L'elenco completo delle attrazioni è consultabile sul sito del Ministero per i beni e le attività culturali.

Codice Ateco 2007:
93.29.90 Altre attività di intrattenimento e divertimento

 

 

Requisiti

Per svolgere l'attività sopra descritta occorre essere in possesso dei seguenti requisiti:

Requisiti morali:

  • assenza di cause ostative elencate nell'art. 71 del D.LGS. 59/2010;
  • assenza cause ostative elencate nell'art. 67 del D.LGS. 159/2011;

 Requisiti professionali:

  • possesso dell'autorizzazione di spettacolo viaggiante

Presupposti e ulteriori requisiti specifici:

  • collaudo delle attrazioni valido per l'anno in corso, redatto da un tecnico abilitato;
  • assicurazione delle attrazioni;
  • numero di registrazione per le nuove attrazioni e, a partire dal 14 dicembre 2009, per tutte le attrazioni già esistenti.

Per i parchi divertimenti e i circhi occorre il possesso della licenza di agibilità rilasciata dalla Commissione Comunale di Vigilanza ai sensi dall'articolo 80 del R.D. n. 773/1931.

 


Adempimenti e modulistica:

In caso di RICHIESTA PER L'ORGANIZZATORE DI CONCESSIONE TEMPORANEA PER PARCHI DIVERTIMENTO occorre presentare:

  • Domanda di autorizzazione;
  • Elenco dei nominativi dei partecipanti e delle loro attrazioni;
  • Decreto del Dipartimento dello Spettacolo relativo al parco richiesto;
  • Richiesta di occupazione di suolo pubblico;
  • Autorizzazione all'utilizzo dell'area;
  • Planimetria in scala adeguata dell'area con la disposizione delle attrazioni, comprensiva della localizzazione dei servizi, delle entrate/uscite e vie di fuga;
  • Documento d'identità del richiedente;
  • Permesso di soggiorno (se necessario).

In caso di RICHIESTA DI CONCESSIONE TEMPORANEA SPETTACOLO VIAGGIANTE (GIOSTRE – FIGURE GONFIABILI) occorre presentare:

  • Domanda di autorizzazione
  • Planimetria in scala adeguata dell'area con indicato il posizionamento degli allestimenti;
  • Disegni e/o fotografie degli allestimenti;
  • Rendering e fotografie del sito (se trattasi di area soggetta a vincolo della Soprintendenza per i Beni Ambientali e architettonici e siano presenti manufatti);
  • Collaudo annuale valido per l'anno in corso;
  • Assicurazione per responsabilità civile nei confronti di terzi;
  • Documento d'identità del richiedente;
  • Permesso di soggiorno (se necessario).

In caso di RICHIESTA DI CONCESSIONE TEMPORANEA ATTIVITA' CIRCENSE occorre presentare:

  • Domanda di autorizzazione;
  • Planimetria in scala adeguata dell'area con indicato il posizionamento dei manufatti, delle attrazioni, degli automezzi ecc.;
  • Disegni e/o fotografie dei manufatti;
  • Rendering e fotografie del sito (se trattasi di area soggetta a vincolo della Soprintendenza per i Beni Ambientali e architettonici e siano presenti manufatti);
  • Nel caso di documenti già consegnati dovrà essere indicata la richiesta a cui sono allegati i documenti e che non ci sono state variazioni;
  • Collaudo annuale valido per l'anno in corso;
  • Assicurazione per responsabilità civile nei confronti di terzi;
  • Documento d'identità del richiedente.

Qualora alla manifestazione, per qualsiasi motivo, siano presenti animali:

  • elenco degli animali
  • autorizzazione prefettizia con elenco annesso (SE ANIMALI POTENZIALMENTE PERICOLOSI).

N.B.: in caso di conferimento dell'incarico per la sottoscrizione digitale e presentazione telematica della SCIA ad opera di un intermediario, occorre allegare obbligatoriamente il modello di procura sottoscritto con firma autografa.

L'autorizzazione rilasciata dall'ufficio, al termine dell'istruttoria, consente l'installazione e l'esercizio delle attrazioni nel periodo e nel luogo individuati

 

SANZIONI:

L'amministrazione, in caso di accertata carenza dei requisiti e dei presupposti, nel termine di sessanta giorni dal ricevimento della segnalazione( trenta in caso di scia edilizia), adotta motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dell'attività e di rimozione degli eventuali effetti dannosi di essa, salvo che, ove ciò sia possibile, l'interessato provveda a conformare alla normativa vigente detta attività ed i suoi effetti entro un termine fissato dall'amministrazione, in ogni caso non inferiore a trenta giorni. È fatto comunque salvo il potere dell'amministrazione competente di assumere determinazioni in via di autotutela, ai sensi degli articoli 21-quinquies e 21-nonies. In caso di dichiarazioni sostitutive di certificazione e dell'atto di notorietà false o mendaci, l'amministrazione, ferma restando l'applicazione delle sanzioni penali, nonché di quelle di cui al capo VI del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, può sempre e in ogni tempo adottare i provvedimenti in autotutela.

MEZZI DI RICORSO:

  • per l'interessato: impugnazione degli eventuali provvedimenti di divieto di prosecuzione dell'attività e di rimozione degli effetti
  • per i terzi: secondo quanto disposto dall'articolo 19, comma 6-ter della legge 241/90, la segnalazione certificata di inizio attività, la denuncia e la dichiarazione di inizio attività non costituiscono provvedimenti taciti direttamente impugnabili. I terzi possono sollecitare l'esercizio delle verifiche spettanti all'amministrazione e, in caso di inerzia, esperire esclusivamente l'azione di cui all'art. 31, commi 1, 2 e 3 del decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 104.

Autorità cui proporre il ricorso: Tribunale Amministrativo Regionale territorialmente competente.

 

 

Normativa

  • Legge 7 agosto 1990 n.241 "Nuove norme sul procedimento amministrativo" (art.19);
  • D.P.R. 28 maggio 2001 n. 311 – Regolamento per la semplificazione dei procedimenti relativi ad autorizzazioni per lo svolgimento di attività disciplinate dal testo unico delle leggi di pubblica sicurezza nonché al riconoscimento della qualifica di agente di pubblica sicurezza
  • Legge 18 marzo 1968 n. 337 - Disposizioni sui circhi equestri e lo spettacolo viaggiante
  • D.M. 18 maggio 2007 - Norme di sicurezza per le attività di spettacolo viaggiante
  • Regolamento comunale per la concessione di aree pubbliche per i circhi equestri e lo spettacolo viaggiante
  • Regio Decreto 18 giugno 1931 n. 773 - Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza TULPS (artt. 68, 69 e 80)