Contenuto principale

Messaggio di avviso

♦Descrizione

Requisiti

♦Adempimenti e modulistica

♦Normativa

 

 

Descrizione

Sono medie strutture di vendita gli esercizi commerciali per la vendita al dettaglio in area privata con superficie di vendita da mq. 251 fino a mq 2500.

Sono grandi strutture di vendita gli esercizi commerciali per la vendita al dettaglio in area privata con superficie di vendita superiore a mq 2500.

Per centro commerciale si intende una media o grande struttura di vendita nella quale più esercizi commerciali sono inseriti in una struttura a destinazione specifica e usufruiscono di infrastrutture comuni e spazi di servizio gestiti unitariamente.
Per superficie di vendita di un centro commerciale si intende quella risultante dalla somma delle superfici di vendita degli esercizi al dettaglio in esso presenti. L'attività commerciale può essere esercitata con riferimento ai settori merceologici alimentare e non alimentare.

Le imprese che commerciano prodotti cosmetici sono tenute al rispetto di quanto previsto dall'art.5 L.R. 1/2007 e dall'art.13 Regolamento CE n.1223/2009.

 

Requisiti

Per svolgere l'attività sopra descritta occorre essere in possesso dei seguenti requisiti:

Requisiti morali:

  • possesso dei requisiti soggettivi previsti dall'art. 71 del D.LGS. 59/2010;
  • assenza di pregiudiziali ai sensi delle legge antimafia.

Se l'attività commerciale viene svolta in forma societaria il possesso dei requisiti professionali (quando previsti) è richiesto al legale rappresentante oppure ad un'altra persona specificatamente preposta (delegata) dalla società all'attività commerciale.
Il possesso dei requisiti morali deve essere autocertificato dal legale rappresentante e da tutti i componenti del consiglio di amministrazione in caso di S.p.a. e S.r.l., dai soci accomandatari in caso di S.a.s., dai soci amministratori in caso di S.n.c.

Requisiti professionali:

Se l'attività commerciale viene svolta in forma societaria il possesso dei requisiti professionali (quando previsti) è richiesto al legale rappresentante oppure ad un'altra persona specificatamente preposta (delegata) dalla società all'attività commerciale.

 

Adempimenti e modulistica:

Per aprire, ampliare (la superficie di vendita, anche a seguito di accorpamento, e/o il settore merceologico), concentrare più esercizi o trasferire una media/grande struttura di vendita occorre presentare:

  • domanda (COM2), corredata dei necessari documenti.

Le domande di autorizzazione per le medie strutture di vendita si intendono accolte qualora, entro novanta giorni dalla presentazione della domanda, non sia stato comunicato un provvedimento di diniego.
L'autorizzazione rilasciata dall'ufficio, al termine dell'istruttoria, che include anche la verifica di ammissibilità urbanistica dell'intervento, sulla base delle disposizioni e degli obiettivi regionali adottati, consente di iniziare, modificare o trasferire l'attività.

Per le medie strutture di vendita il procedimento di autorizzazione commerciale è contestuale a quello abilitativo di carattere urbanistico edilizio.

Qualora per il procedimento abilitativo di carattere urbanistico edilizio ci si avvalga della facoltà di presentare DIA edilizia, ai sensi dell'articolo 22 del D.P.R. n. 380/2001, alla richiesta di autorizzazione commerciale occorre allegare la relazione tecnica asseverata.
Qualora non ci si avvalga della facoltà di presentare DIA edilizia, contestualmente alla richiesta di autorizzazione commerciale, occorre presentare istanza per il rilascio del titolo edilizio, allegando il progetto e la documentazione tecnica necessaria, ai sensi dell'articolo 10 ss. del D.P.R. n. 380/2001.
Per le grandi strutture di vendita l'apertura, il trasferimento e l'ampliamento sono soggetti ad autorizzazione rilasciata dal comune competente per territorio, a seguito della conferenza di servizi che si tiene in Regione ai sensi dell'articolo 9, comma 3, del D.Lgs n. 114/1998.
Le domande sono valutate in ordine di precedenza cronologica e, tra domande concorrenti, la precedenza o la concorrenza sono accertate su base regionale in relazione al mese di calendario in cui risultano pervenute alla Regione.


Per il subentro, la cessazione, la sospensione/ripresa dell'attività di media/grande struttura di vendita occorre presentare:

  • SCIA Modello B;
  • Scheda 2 (solo in caso di subentro);
  • Atto di cessione o dichiarazione notarile (solo in caso di subentro);
  • Ricevuta di versamento diritti ASL di € 34,00 (solo in caso di subentro di attività del settore alimentrare);
  • Documento d'identità del dichiarante;
  • Permesso di soggiorno (in caso di extracomunitari).

N.B.: in caso di conferimento dell'incarico per la sottoscrizione digitale e presentazione telematica della SCIA ad opera di un intermediario, occorre allegare obbligatoriamente il modello di procura sottoscritto con firma autografa.

 

PAGAMENTO DIRITTI, IMPOSTE E ONERI:

L'importo da pagare ammonta a € 34,00 per diritti ASL; l'importo è dovuto unicamente per le attività del settore alimentare, in caso di subentro.

Il pagamento deve essere effettuato con bollettino di conto corrente postale n. 10222222 intestato a ASL di Lecco

 

Normativa

  • Legge 7 agosto 1990 n.241 "Nuove norme sul procedimento amministrativo" (art.19);
  • Legge Regionale Lombardia 02/02/2010 n. 6 "Testo Unico delle leggi regionali in materia di commercio e fiere";
  • Decreto Legislativo 26 marzo 2010 , n. 59 "Attuazione della direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno";
  • Decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159 "Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonche' nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 13 agosto 2010, n. 136";
  • Deliberazione Giunta Regionale 4 luglio 2007 n. VIII/5054 - "Nuove modalità applicative del programma triennale per lo sviluppo del settore commerciale 2006-2008".