Contenuto principale

Messaggio di avviso

Come ben sapete gli indumenti non rientrano in alcuna tipologia di raccolta differenziata e quindi vanno buttati nel sacco trasparente dell’indifferenziato. Il che significa che finiscono dritti diritii nel forno inceneritore. Per questo motivo sono presenti sul territorio comunale i caratteristici cassoni gialli adibiti specificatamente al conferimento dell’abbigliamento. In questo modo i vestiti non più utilizzabili vengono inviati agli impianti di riciclo, mentre quelli ancora in buone condizioni entrano nel ciclo del riuso.

Questi cassonetti non sono tutti uguali, nel senso che esistono tre diversi cassonetti corrispondenti a tre diversi operatori:

  • Unione Italiana ciechi
  • Humana People to people
  • Dona Valore della Caritas Ambrosiana.

L’amministrazione ha in corso una convenzione prioritaria con quest’ultima perché si tratta della realtà che unisce in maniera chiara l’aspetto sociale ed ambientale della raccolta differenziata degli indumenti usati.

Dona Valore provvede alla raccolta in tutto il territorio della Diocesi di Milano, attraverso alcune cooperative sociali, per il nostro comune si tratta della Padre Daniele Badiali di Cisano Bergamasco; il materiale raccolto viene poi inviato agli impianti di destinazione finale con cui il Consorzio Farsi Prossimo stipula appositi contratti commerciali ed etici a garanzia del rispetto delle norme ambientali e sul lavoro. pdf Con i proventi vengono finanziati progetti sociali sul territorio. (707 KB)

Nel 2017 nel nostro comune sono state raccolte in totale circa 31 tonnellate di indumenti usati (circa 5,8 chilogrammi a testa quindi). Un po meno del 2016, quando erano stati raccolti 37,5 tonnellate, più del 2015 (24,5 tonnellate).

Come Amministrazione non possiamo che raccomandare a tutti di continuare ad utilizzare questi cassonetti. Oltre al valore ambientale e sociale c’è anche una evidente convenienza economica poiché tutti i materiali che vanno nei cassoni gialli non hanno costi di raccolta e smaltimento come invece accade per tutti gli altri materiali raccolti porta a porta.